E’ quella disciplina che permette di studiare l’organismo di un soggetto e compiere un’analisi dettagliata sulla condizione di salute dello stesso, consentendo di diagnosticare la presenza di fattori potenzialmente pericolosi, anche quando non si sono completamente manifestati.

Cosa è l’iridologia naturopatica
Iridologia e gravidanza
Funziona o non funziona?
Tipi di iride
Le parti di un occhio


Si parla sempre più di iridologia naturopatica per mettere in relazione l’osservazione approfondita dei segni più evidenti negli occhi che sono fondamentalmente 3:

  • la sclera, ovvero la sezione bianca
  • la pupilla, ovvero la parte piccola centrale e nera
  • l’iride, ossia tutto lo strato colorato situato attorno alla pupilla

Nonostante quello che pensano alcuni “complottisti” della rete, la cui unica funzione è quella di infangare i successi delle cure alternative, la categoria degli iridologi è ricca di elementi professionali che svolgono la professione di medici. E’ infatti molto comune tra chi intende focalizzare la propria carriera professionale nel campo iridologico e quello della naturopatia, consegua prima una laurea in medicina e affianchi al mestiere di dottore anche quella che è la loro vera vocazione. La passione per lo studio dell’iride è qualcosa difficile da spiegare a parole, ma che diventa decisamente più comprensibile attraverso l’interpretazione dei segni iridologici e le letture che si possono fare sull’irideologia (link a sidebar). Soprattutto i ginecologi sono portati spesso ad approfondire la cultura dell’iridologia naturopatica e psicosomatica per interpretare meglio alcuni sentori che soltanto guardando sclera e iride si possono notare. Non c’è quindi da stupirsi se si parla di iridologia e gravidanza come se si trattassero di due manifestazioni strettamente interconnesse tra loro.

Mamme e iride

La sensibilità che mostrano le donne con il pancione, a seguito della consapevolezza di stare per mettere al Mondo una creatura e augurare a questa il massimo del bene possibile, porta le signore gravide ad essere più attente a quello che mangiano e alle proprie abitudini di vita. E’ più facile quindi che i consigli alimentari che è solito offrire un iridologo dopo un controllo agli occhi possano essere messi in pratica con maggiore convinzione, aumentando la possibilità di successi nel lungo periodo. E’ stupefacente riconoscere come moltissime caratteristiche riscontrate nell’iride della mamma vengano ereditate dalla futura nascitura. Si comprende come riuscire ad avere i risultati di un esame d’iridologia in fase di gestazione e seguire i suggerimenti, sia a livello di dieta, che a livello di educazione del bimbo su certi temi, potrebbe rendere più forte l’organismo tanto della madre quanto del figlio.

Iride e cervello

Il nesso tra coscienza della propria situazione iridologica e capacità di reagire ad una difficoltà emotiva o fisica incontrata dall’organismo verte sul fatto che la mappa iridea sia la traduzione diretta di quello che vorrebbe comunicarci il sistema controllato dal midollo spinale e centri nervosi. Le alterazioni di quelle peculiarità iridologiche come macchie, segni e colori dei pigmenti potrebbe facilmente offrire una diagnosi di quelli che sono disturbi di altri organi. Per riassumere un concetto assai caro a Jensen, uno dei padri precursori dell’irideologia psicosomatica, l’iride rappresenta il sintomo di quello che accade nell’insieme corpo.

Funziona o è una truffa?

iridologia-truffaSono molti coloro i quali si interrogano sulla possibilità che la medicina alternativa e in particolar modo l’iridologia siano soltanto un modo per guadagnare soldi alle spalle di chi sta male. Per fortuna i dati e le percentuali di opinioni positive sull’iridologia non fanno che smentire questo fronte d’accusa. La verità è che gli esempi di irideologia che funziona sono tantissimi, tali da non poter essere attribuiti soltanto all’effetto placebo nei pazienti. Dopotutto il confronto delle foto delle iridi prima di una seduta d’iridologia e di quelle scattate a distanza di 6 mesi, a trattamento già iniziato, sono la prova evidente di come qualcosa “accada” a livello del corpo. Segnali che solo dottori con i paraocchi, ancorati a punti di vista antichi, frutto di una conoscenza accademica medica piuttosto “di casta” e “bigotta”, possono ignorare. La paura del cambiamento a volte acceca la possibilità di sperimentare nuove strade e quindi portare progresso. Chi sostiene che l’iridologia non funziona è fondamentalmente qualcuno a cui hanno chiuso prima occhi e poi reso ottuso il proprio cervello. L’ingrandimento della “parte colorata” dell’occhio può portare “nuova luce” nella conoscenza medica e sarebbe un peccato sprecare questa opportunità per guarire un numero più ampio di pazienti, che attraverso le solite cure mediche da ospedale, continuano a stare male e soffrire, ignari delle vere cause.

Esempi di iridi

Esistono moltissimi tipi di iride, praticamente infinite, al punto che in molti apparati governativi si mormora di sostituire il riconoscimento d’identità attraverso impronte digitali, con l’identificazione dell’iride. Questa pratica, alcune volte già ammirata in alcune produzioni cinematografiche che trattavano temi futuristici, fa comprendere, in maniera ancora più chiara, come dietro ogni occhio si nasconda un mondo unico, caratterizzato da elementi irripetibili. Se si considera poi che l’iridologia disamina anche pupille e sclera dell’occhio, si può comprendere bene la mole di informazioni pertinenti che questa metodologia può generare, in funzione di un’analisi ancora più approfondita.
Per offrire qualche esempio sulla tipologia di tonalità cromatiche che possiamo incontrare quando si studia un iride, si potrebbero classificare in 2 macro famiglie:

Color blu. Si tratta di iridi che segnalano la presenza di problemi di tipo linfatico, i cui punti deboli potrebbero essere tonsilli e tiroide. I soggetti che mostrano questi segni presentano solitamente malanni legati all’apparato respiratorio o connessi con la cattiva salute dell’epidermide. Gli esperti di iridologia (lo farebbe anche iridologo.net) consigliano di non lesinare l’assunzione di acqua.

Color marrone. Segnala un problema del sangue e difficoltà del sistema epatico e digerente. Di solito, a seguito di iridi con macchie marroni, si associano fenomeni di allergie nei confronti di determinate sostanze, come latte o caffeina.

Di che cosa è fatto un occhio

A maggiore completezza di questo documento sull’iridologia (scaricabile anche in formato PDF su richiesta), ci impegniamo anche a fornire ulteriori informazioni sull’apparato oculare, attraverso l’elenco di tutti i suoi elementi e la proposta di un’immagine esemplificativa.
Il bulbo oculare è composto da:
cornea, crisallino, uvea, iride, corpo cigliare, coroide, camera anteriore (umor acqueo), camera posteriore, legamento sospensorio e sclera. Per permettere il corretto funzionamento degli occhi vi sono i vasi retinici, collegati al nervo ottico, in grado di interagire con retina, macula, fovea e disco ottico.
Si ricorda come esistono pure individui privi di iride, a causa di malformazione congenita legata ad un’alterazione del gene chiamato Pax6. Questi soggetti risultano quindi affetti da aniridia.

occhio-varie-parti